A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/VIA VAS AIA

La nuova direttiva sulla valutazione di impatto ambientale - Parlamento e Consiglio europeo (Direttiva 2014/52/UE)
05/02/2015

L’unione Euroepa ha modificato la direttiva sulla VIA, Valutazione di Impatto Ambientale: la nuova direttiva 2014/52/UE ha lo scopo di rafforzare la qualità della procedura di valutazione d'impatto ambientale, allineare tale procedura ai principi della regolamentazione intelligente (smart regulation) e rafforzare la coerenza e le sinergie con altre normative e politiche dell'Unione, come anche con le strategie e le politiche definite dagli Stati membri in settori di competenza nazionale. La direttiva 2014/52/UE prevede una revisione generalizzata della vecchia direttiva 2011/92/UE; la rielaborazione degli Allegati III e IV (Criteri di selezione intesi a stabilire se i progetti indicati nell’Allegato II debbano essere sottoposti a VIA» e «Informazioni per il rapporto di Valutazione dell’impatto ambientale»)...

BAT, valori limite di emissione atmosferica ed obiettivi di qualita` ambientale - Vittorio Giampietro
02/02/2015

Il presente contributo intende esaminare il ruolo delle migliori tecniche disponibili (Best Available Techinques - BAT) nell’ambito della definizione dei valori limite per le emissioni atmosferiche degli impianti, sottoposti alla disciplina contenuta nella Parte V del D.Lgs. n. 152/2006, all’esito dell’entrata in vigore del D.Lgs. n. 46/2014, che recepisce la direttiva n. 2010/75/Ce, relativa alle emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento).

In particolare, si vuole evidenziare come le BAT ormai costituiscano un riferimento imprescindibile - anche se talvolta, non sufficiente - per la determinazione dei limiti alle emissioni atmosferiche, anche per gli impianti e le attivita` che non risultano sottoposti al regime dell’AIA.

La VIA negativa condiziona il rilascio dell'AIA!
26/01/2015

La valutazione negativa di impatto ambientale (VIA) condiziona negativamente il procedimento per il rilascio dell’autorizzazione integrata ambientale (AIA): non può infatti logicamente, ancor prima che giuridicamente, ammettere che un impianto non compatibile con l’ambiente possa ottenere le autorizzazioni necessarie per il suo funzionamento.

Sarebbe pertanto contrario ai principi di imparzialità e buon andamento, ed in specie ai corollari di economicità ed efficienza dell’azione amministrativa, imporre che anche in tali casi l’amministrazione competente debba procedere alla necessaria attività istruttoria e concludere il procedimento relativo all’autorizzazione integrata ambientale, essendone certo il diniego di rilascio.

AIA: come si applica la nuova normativa. I primi chiarimenti dal ministero dell'Ambiente - Ministero dell'ambiente
26/11/2014

Linee di indirizzo sulle modalità applicative della disciplina in materia di prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento, recata dal nuovo D.Lgs n. 46/2014 (”decreto emissioni industriali”). Il Ministero dell’ambiente ha diramato i primi indirizzi operativi per l’uniforme applicazione sul territorio nazionale della disciplina sull’AIA, anche in riscontro a quesiti pervenuti in merito dalle autorità competenti al rilascio dell’autorizzazione integrata ambientale. I chiarimenti hanno riguardato le definzioni di sito, attività connessa, frantumatori di rifiuti metallici, l’applicazione dell’istituto del rinnovo periodico, le modalità di gestione dei procedimenti in corso, la presentazione della relazione di riferimento,  l’oggetto dei controlli, la sospensione dell’autorizzazione, la capacità di incenerimento, ...

Linee guida AIA: i primi chiarimenti da parte del ministero dell’ambiente - Ministero dell'ambiente
12/11/2014

Il ministero dell’ambiente ha diramato i primi indirizzi per l’uniforme applicazione sul territorio nazionale della disciplina in materia di prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento, a seguito dell’entrata in vigore del decreto “emissioni industriali” (D.Lgs n. 46/14). Le linee guida AIA hanno riguardato la definizione di sito, attività connessa, pollame e frantumatori di rifiuti metallici; l’applicazione dell’istituto del rinnovo periodico; le modalità di gestione dei procedimenti in corso; la presentazione della relazione di riferimento; le soglie delle attività di fabbricazione di prodotti alimentari o mangimi; l’oggetto dei controlli; la sospensione dell’autorizzazione AIA; la capacità di incenerimento; gli obblighi di pubblicazione; l’impiego delle linee guida MTD...

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly