A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/VIA VAS AIA

AIA in Emilia Romagna. Disposizioni in merito alle tempistiche per l'adempimento degli obblighi connessi alla relazione di riferimento
20/04/2015

Per assicurare la massima omogeneità applicativa la regione Emilia Romagna ha ritenuto opportuno dare indicazioni sulle tempistiche da seguire in ambito regionale per la effettuazione della verifica di sussistenza dell’obbligo di presentazione della relazione di riferimento e per la presentazione della relazione di riferimento, ove dovuta. Per le installazioni soggette ad autorizzazione integrata ambientale (AIA) secondo le norme regionali già in possesso di A.I.A. si è ritenuto opportuno prevedere che il gestore debba presentare gli esiti della verifica di sussistenza dell’obbligo di presentazione della relazione di riferimento entro il 30 aprile 2015, contestualmente al report annuale. In casi di particolare complessità il gestore potrà chiedere per una sola volta all’autorità competente, entro il 30 aprile 2015, una proroga di ulteriori 3 mesi per la comunicazione degli esiti della verifica di sussistenza dell’obbligo di presentazione...

Violazioni AIA: garanzie partecipative e poteri della PA
13/04/2015

Quali sono i limiti delle garanzie partecipative di un’industria dotata di un’autorizzazione integrata ambientale (AIA), nel caso di avvio del procedimento?

Quali sono le comunicazioni che la PA deve fare prima dell’avvio del procedimento?

Esiste un iter codificato? La PA può agire d’urgenza senza comunicazioni preventive? In caso di risposta affermativa, entro quali limiti?

Quali sono le motivazioni che l’autorità deve fornire nel caso in cui rilevi una violazione delle prescrizioni contenute nell’A.I.A.?

La diffida rappresenta il primo atto del procedimento di contestazione della violazione?

La sua trasmissione integra anche la comunicazione di avvio del procedimento?

Linee guida per la verifica di assoggettabilità a VIA dei progetti di competenza delle regioni e province autonome - Ministero Ambiente
02/04/2015

Il Ministero dell'Ambiente ha emanato le linee guida per la verifica di assoggettabilità a Valutazione di Impatto Ambientale dei progetti di competenza delle Regioni e Province autonome. Le linee guida per lo screening dei progetti di competenza regionale contengono gli indirizzi metodologici generali e alcuni criteri specifici (cumulo con altri progetti, rischio di incidenti, localizzazione dei progetti). Quali sono gli effetti dell'applicazione delle linee guida VIA? Quali sono le modalità di adeduamento degli ordinamenti regionali alle linee guida sulla V.I.A.?

Natura Giuridica, impresa che fornisce servizi di consulenza ambientale alle imprese, è a vostra completa disposizione per aiutare la vostra azienda a gestire nelmigliore dei modi le problematiche burocratiche ed amministrative connesse al rispetto e all'applicazione del diritto ambientale.

Lombardia, nuove indirizzi per AIA e BAT per l'industria della calce
27/03/2015

Con due circolari, pubblicate nel BUR del 9 febbraio 2015, la Lombardia ha dettato:

  • ulteriori indirizzi sulle modalità applicative della disciplina in materia di autorizzazioni integrate ambientali (A.I.A.) (n. 11 del 21 dicembre 2014), alla luce delle modifiche introdotte dal decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 46 (decreto emissioni industriali) e
  • gli indirizzi per l’applicazione delle conclusioni sulle migliori tecniche disponibili (MTD-BAT) per l’industria della calce, adottate ai sensi della direttiva 2010/75/UE, nell’ambito dei procedimenti di riesame delle autorizzazioni integrate ambientali (AIA) (n. 12 del 23 dicembre 2014)
Attività AIA esercitata in difformità dalle condizioni stabilite nell'autorizzazione integrata ambientale: é reato?
24/02/2015

Esercitare un’attività AIA in difformità dalle condizioni stabilite nell’autorizzazione integrata ambientale rilasciata dalla regione, senza dare alcuna comunicazione all’autorità competente per l’AIA, costituisce reato?

NO categorico, nei seguenti termini.

A dirlo è la Cassazione, in una recente sentenza, una delle prima che analizza il nuovo decreto “emissioni industriali” (D.Lgs n. 46/2014). Nel caso di specie, in tribunale del nord Italia aveva dichiarato il legale rappresentante di una nota azienda internazionale colpevole del fatto di esercitare una delle attività di cui all'allegato VIII del D.Lgs n. 152/06 (così come integrato dal D.Lgs n. 46/2014) in difformità alle condizioni stabilite...

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly