A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale
Natura Giuridica è un'impresa di servizi specializzata in
diritto dell'ambiente e dell'energia
Ricerche, pareri, assistenza amministrativa
e multiprofessionale per consulenze integrate

NG extra: miniguide e approfondimenti

DIRITTO DELL'AMBIENTE

Collaborazione Andrea Quaranta con

DIRITTO DELL'ENERGIA



Feedburner

Se si preferisce avere una segnalazione delle novità, di volta in volta inserite nel sito, tramite l’invio di una e-mail, è sufficiente iscriversi a FeedBurner


Inserisci il tuo indirizzo email:

Delivered by FeedBurner

Cerca nel sito


Vai

INSIC - Il quotidiano online per i professionisti della sicurezza

Visita il BLOG di
Natura Giuridica
AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

/Tutela delle acque - scarichi

Tutela delle acque - Gestione risorse idriche - Norme e Sentenze

In questa sezione trovi norme e procedure su: tutela delle acque dall'inquinamento, gestione delle risorse idriche, adempimenti amministrativi in materia di acque (autorizzazione allo scarico), trattamento delle acque reflue. Per leggere gli articoli devi registrarti: per alcuni documenti è sufficiente l'iscrizione free, per altri occorre la "Premium", a pagamento. Con la Premium hai accesso a tutti i documenti inclusi nel servizio free. Nel caso dei pareri, a pagamento, la password ti dà accesso ad uno solo parere. Contatta Andrea Quaranta se ti occorre un parere legale o una consulenza in materia di acque.
Mancato avviso di avvio del procedimento: la revoca dell'autorizzazione allo scarico dei reflui in fognatura è illegittima? - TAR Friuli 628/2014
17/03/2015

E’ fondata la censura di violazione dell'articolo 7 della l. 241/1990, per mancanza dell'avviso di avvio del procedimento. Non ci sono infatti ragioni di urgenza per omettere tale necessario adempimento.

Risulta pertanto fondata la censura di violazione del principio di proporzionalità e adeguatezza, in quanto in presenza di accertamenti tecnici difformi, era necessario un supplemento d’istruttoria considerata altresì la gravità della revoca e delle sue conseguenze sull'attività della ditta ricorrente. Naturalmente nella fase istruttoria e di accertamento va applicato il principio di leale collaborazione, sia nel senso che la ditta deve consentire all’amministrazione l’accesso agli stabilimenti per le verifiche tecniche necessarie, sia nel senso che l’amministrazione deve ...

Quale disciplina per le acque meteoriche contaminate?
26/02/2015

Il tema che viene sottoposto alla Corte investe il concetto di scarichi di reflui industriali ed in particolare l’incidenza delle acque meteoriche che raccolgono sostanze inquinanti provenienti da insediamenti industriali o commerciali (ad esempio, stazione di servizio per rifornimento di carburante).

Nel testo unico ambientale si fa cenno alle “acque meteoriche di dilavamento” ma non si fornisce una specifica definizione delle stesse che indirettamente, e in negativo, viene data nell’art. 74, dedicato alle definizioni (“le acque meteoriche di dilavamento” non sono definite in modo diretto nel loro contenuto, ma citate nella definizione di un’altra tipologia di acque, e cioè dei reflui industriali, allo scopo di delimitarne in negativo...

Gli scarichi pluviali all'interno di un 'area industriale sono acque reflue industriali
22/11/2013

La procedura di verifica di assoggettabilità a VIA deve analizzare adeguatamente l’impatto ambientale sul fattore “uomo”, che può condurre ad escludere la VIA obbligatoria solo se in concreto ritenuto irrilevante. Gli scarichi pluvuiali all'interno dell'area industriale costituiscono acque reflue industriali, anche quando nel loro percorso trascinano unicamente pulviscolo o altro materiale di origine naturale.

Le acque (specialmente quelle di prima pioggia) che dilavano un’area in cui si posano residui di materiali ferrosi scaturiti da processi di produzione, o composti chimici impiegati nell’attività, non costituiscono acque meteoriche di dilavamento e necessitano di essere depurate prima dell’immissione nel terreno.

Blocco del funzionamento di un depuratore: distruzione o deturpamento di bellezze naturali
28/08/2013

Lo sversamento di liquami direttamente in un fiume dovuto al blocco del funzionamento di un depuratore, dovuto a guasto per carenza di manutenzione determina la sussistenza degli elementi costitutivi del reato di cui all'art. 734 cod. pen., qualora l'evento muti in modo rilevante, anche sotto il profilo temporale, le caratteristiche ambientali del corso d'acqua.

Grafica: Andrea Quaranta Consulenza comunicativa: Naide Della Pelle © 2008-2015 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005 Privacy Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly