A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/Paesaggio - Urbanistica - Beni culturali

L'informazione ambientale non può essere indebitamente limitata - TAR Napoli, n. 1062/09
10/07/2009

La disciplina speciale della libertà d'accesso alle informazioni ambientali è preordinata a garantire la massima trasparenza sulla situazione ambientale e a consentire un controllo diffuso sulla qualità ambientale. Queste esigenze si realizzano mediante la deliberata eliminazione di ogni ostacolo, soggettivo od oggettivo, al completo ed esauriente accesso alle informazioni sullo stato dell'ambiente. Nella specie, il TAR Campania ha sottolineato che ogni indebita limitazione della legittimazione a pretendere l'accesso alle informazioni ambientali risulta preclusa.

Informazione ambientale, accesso agli atti e partecipazione del pubblico - TAR Catanzaro, n. 122/09
08/05/2009

dell'istanza di informazione ambientale, ma solo quelle attinenti a valori che l’ordinamento imputa all’ambiente come bene giuridico distinto dalle sue componenti materiali. Pertanto, esulano dall’informazione ambientale gli atti ed i documenti riguardanti un procedimento di gara relativo all’esecuzione di un’opera pubblica, la richiesta relativa ai pareri e nulla osta acquisiti ed in genere agli altri atti del procedimento, fatta eccezione per i pareri, nulla osta ed autorizzazioni attinenti alla tutela ambientale. Nella specie, il TAR ha accolto il ricorso del Presidente del WWF, nella parte in cui...

Beni culturali ed ambientali: autorizzazione paesaggistica e V.I.A. - TAR Brescia, n. 629/09
20/04/2009

Nel caso di specie, il Collegio ha sottolineato che gli eventuali vizi possono essere fatti valere impugnando l’atto conclusivo, dotato di carattere autoritativo e perciò capace di procurare un concreto pregiudizio. Il controllo che compete all’autorità statale ad estrema difesa del vincolo paesaggistico investe la legittimità del procedimento autorizzatorio, e si concentra principalmente sull’esaustività della documentazione allegata alla pratica già esaminata e vagliata dal Comune, che ha poi emesso il provvedimento favorevole.

Ambiente: valore trasversale costituzionalmente protetto. - Corte Costituzionale, sentenza n. 12/2009
21/03/2009

La competenza legislativa nella materia tutela dell’ambiente - pur potendo avere effetti ulteriori su altri interessi relativi a materie di competenza regionale concorrente - tuttavia, rientra nella competenza esclusiva dello Stato. In particolare, la disciplina unitaria e complessiva del bene ambiente inerisce ad un interesse pubblico di valore costituzionale “primario” ed “assoluto”, e deve garantire un elevato livello di tutela, come tale inderogabile dalle altre discipline di settore. Accanto al bene giuridico ambiente in senso unitario, possono coesistere altri beni giuridici aventi ad oggetto componenti o aspetti del bene ambiente, ma concernenti...

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly