A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/Paesaggio - Urbanistica - Beni culturali

Annullamento dei nulla osta rilasciati nell'ambito dei procedimenti di condono
11/04/2012

Il provvedimento di annullamento del nulla osta paesaggistico rilasciato dall'ente subdelegato non ha natura di atto recettizio e, pertanto, il termine perentorio di sessanta giorni, previsto per l'eventuale annullamento, attiene alla sua adozione e non anche alla sua comunicazione. L'annullamento ministeriale esaurisce il procedimento relativo alla compatibilità ambientale e paesaggistica. E, infatti, l'annullamento da parte dell'autorità statale costituisce espressione di un sistema di concorrenza di poteri in cui la partecipazione statale al procedimento regionale o sub regionale si concreta in un'eventuale fase correttiva di secondo grado collegata ad esigenze di estrema difesa del vincolo paesaggistico. Da tale ricostruzione discende che l'annullamento ministeriale chiude il procedimento...

Nella valutazione occorre tenere presenti le reali condizioni di sistema dell'area in cui il manufatto e' inserito
12/01/2012

L’intervento della Sovrintendenza deve tendere alla conservazione dei valori presidiati dal vincolo al fine di evitare ulteriori interventi deturpanti, a prescindere dall’esistenza di eventuali altre evidenze abusive, dal momento che la situazione di compromissione della bellezza naturale ad opera di preesistenti realizzazioni, anziché impedire, richiede che nuove costruzioni non alterino maggiormente l’ambito protetto [...]. La valutazione dell’Amministrazione va necessariamente riferita alla circostante, anche se circoscritta, realtà dei luoghi nei quali il manufatto considerato viene ad inserirsi, [...] tenendo presente le effettive e reali condizioni di sistema dell’area in cui il manufatto è stato inserito.

Natura giuridica della valutazione di compatibilità ambientale delle opere abusive - Consiglio Stato, n. 2527/11
29/11/2011

Il diniego di sanatoria delle opere abusive per incompatibilità ambientale è espressione di una valutazione tecnica ampiamente discrezionale, tipica manifestazione del potere autoritativo dell’amministrazione, che come tale si sottrae al sindacato di legittimità, tranne le ipotesi di manifesta illogicità, arbitrarietà, irragionevolezza, irrazionalità ovvero di macroscopico travisamento dei fatti (C.d.S., sez. VI, 7 ottobre 2008, n. 4823).

Realizzazione di un manufatto abusivo in zona non sottoposta a vincolo - Cassazione, n. 19330/11
05/11/2011

L'ordine di demolizione delle opere abusive emesso con la sentenza passata in giudicato non può essere sospeso se non quando sia ragionevolmente prevedibile, sulla base di elementi concreti, che in un breve lasso di tempo sia adottato dall'autorità un provvedimento che si ponga in insanabile contrasto con detto ordine di demolizione. L'art. 32 del D.L. 269\2003 limita l'applicabilità del condono edilizio, per le nuove costruzioni, a quelle aventi destinazione residenziale. La circolare emanata nella materia tributaria non vincola né il contribuente né gli uffici gerarchicamente sottordinati, ai quali non è vietato disattenderla; né vincola la stessa autorità che l'ha emanata.

Evoluzione dell'istituto della tutela paesaggistica - TAR Milano, n. 2411/2010
31/05/2011

L'ambito di applicazione della tutela paesaggistica non riguarda ormai soltanto le aree oggetto di vincolo di tutela, in quanto esso - ex artt. 146 e ss. d.lgs. 42/04 - è soltanto uno degli strumenti attraverso cui l’ordinamento persegue l’obiettivo della tutela del paesaggio. La sentenza tratta inoltre della legittimazione ad impugnare provvedimenti ritenuti lesivi di interessi comuni dei comitati spontanei di cittadini : occorre dimostrare un collegamento stabile col territorio ove si svolge l'attività di tutela degli interessi stessi e che il comitato non nasce in funzione dell'impugnazione. Infine, la sentenza tratta della decorrenza dei termini nel procedimento cautelare...

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly