A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/Gestione dei rifiuti

Campionamento ed analisi dei rifiuti non pericolosi: non ci sono normative generali
10/03/2015

Il Dm 5.2.98 si riferisce all’individuazione dei rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero ed ha, perciò, una portata limitata alle attività, ai procedimenti e ai metodi di recupero di ciascuna delle tipologie di rifiuti individuati dal decreto stesso: rifiuti liquidi, granulari, fastosi e fanghi. L'art. 8 dello stesso D.M. ("Campionamenti e analisi"), richiama le norme UNI 10802 per il campionamento di rifiuti, agli specifici fini della loro caratterizzazione chimico-fisica e si riferisce a campionamenti e analisi che sono effettuati a cura del titolare dell'impianto ove i rifiuti siano prodotti. Si tratta, in sostanza, di un insieme di disposizioni prive di portata generale, perchè dirette allo specifico scopo di disciplinare le analisi effettuate a cura del titolare dell'impianto di produzione di rifiuti, ai fini ...

Per gestire i rifiuti occorre vigilare bene, se non scatta la responsabilità
06/03/2015

La responsabilità per l'attività di gestione di rifiuti non autorizzata non attiene necessariamente al profilo della consapevolezza e volontarietà della condotta, e quindi del dolo, poiché può scaturire anche da comportamenti che violino i doveri di diligenza per la mancata adozione di tutte le misure necessarie ad evitare illeciti nella predetta gestione e che legittimamente si richiedono ai soggetti preposti alla direzione dell'azienda, i quali hanno un obbligo di vigilanza sull’operato dei dipendenti.

Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? O a quali condizioni possono essere considerate rifiuti?
03/03/2015

No, non sono sempre rifiuti, e in particolare modo se le terre e rocce da scavo non sono contaminate e se hanno una destinazione ben definita, possono essere sottratte alla disciplina generale sui rifiuti, e rientrano tra le materie prime secondarie. L’art. 186 del testo unico ambientale, infatti, esclude dalla categorie dei rifiuti le terre e le rocce da scavo sempre che la composizione media dell’intera massa non presenti una concentrazione superiore ai limiti previsti dalle legge vigenti”. Cosa deve fare, allora, il gestore di una discarica di rifiuti speciali inerti, che ha dovuto resistere in giudizio promosso da soggetti che contestavano il rinnovo all’esercizio della discarica nella parte in cui ammette il conferimento di rifiuti con Codice CER 170504 (ovvero terra e rocce provenienti da siti contaminati)?

Rottami ferrosi e commercio ambulante: quali discipline?
27/02/2015

L’attività di raccolta e di trasporto di rifiuti prodotti da terzi (rottami ferrosi) può usufruire del regime di deroga previsto, a favore dei rifiuti ambulanti, dal testo unico ambientale?

Qual è l’ambito di applicazione della disciplina del commercio ambulante?

E come si devono comportare i raccoglitori itineranti di rifiuti?

In definitiva, a chi deve essere applicata la disciplina sanzionatoria relativa alla gestione non autorizzata di rifiuti?

Incenerimento dei rifiuti: occorre mediare fra ambiente, salute, lavoro ed attività economica
25/02/2015

Inceneritore/termovalorizzatore e salute della popolazione: prima dell’AIA occorre un’indagine epidemiologica.

Cosa fare in caso di un inceneritore, o termovalorizzatore che dir si voglia? Scegliere la tutela dell'ambiente, quella della salute o il lavoro?

Scegliere l'inceneritore (soprattutto quale inceneritore), scegliere nulla, spingere verso altre forme di raccolta dei rifiuti (ma non dimentichiamoci che i rifiuti industriali non possono essere trattati con il porta a porta...), tutelare i lavoratori, optare per altre forme di valorizzazione dei rifiuti (ad esempio il coincenerimento dei rifiuti), ...? Fermo restando che, favorevoli o contrari, ma motivatamente, occorre essere sinceri e non truffaldini con la parole: un impianto di incenerimento, anche se recupera energia, è pur sempre...

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly