A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale
Natura Giuridica è un'impresa di servizi specializzata in
diritto dell'ambiente e dell'energia
Ricerche, pareri, assistenza amministrativa
e multiprofessionale per consulenze integrate

NG extra: miniguide e approfondimenti

DIRITTO DELL'AMBIENTE

Collaborazione Andrea Quaranta con

DIRITTO DELL'ENERGIA



Feedburner

Se si preferisce avere una segnalazione delle novità, di volta in volta inserite nel sito, tramite l’invio di una e-mail, è sufficiente iscriversi a FeedBurner


Inserisci il tuo indirizzo email:

Delivered by FeedBurner

Cerca nel sito


Vai

INSIC - Il quotidiano online per i professionisti della sicurezza

Visita il BLOG di
Natura Giuridica
AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

/Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti: recupero - smaltimento - discariche - incenerimento

In questa sezione, trovi articoli, aggiornamenti normativi e giurisprudenziali sulla gestione dei rifiuti. Per leggere gli articoli completi, devi registrarti. Attenzione: per alcuni articoli basta l'iscrizione free, per altri occorre la registrazione "Premium", a pagamento. Con l'iscrizione Premium, hai l'accesso anche ai documenti free. Nel caso dei pareri, a pagamento, la password ti dà accesso unicamente a quel determinato parere. Se sei interessato ad una consulenza ambientale o parere legale in materia di rifiuti, vai alla pagina dei contatti.
Errore sui CER per veicoli fuori uso e metalli prodotti dallo smantellamento di VFU: occorre la prova
23/01/2015

Lo scambio di due codici CER (veicoli fuori uso e metalli prodotti dallo smantellamento di VFU) può essere considerato un mero errore ostativo?

No, in assenza di diversa prova della situazione di fatto, che grava sul ricorrente: sono infatti diverse le caratteristiche fisiche dei due rifiuti.

L’errore materiale nella redazione del CER può essere invocato solo nel caso in cui il ricorrente dimostri che i rifiuti erroneamente classificati in realtà rientrino nella categoria di cui al codice CER per il quale è autorizzato al trattamento, oppure che il codice CER dichiarato sia analogo a quello del rifiuto che è legittimato a trattare. In questi casi, riconducibili al lapsus calami ed all’errore ostativo, l’errore materiale non può produrre danni a carico del dichiarante in quanto la situazione reale, conforme alla legge, deve prevalere su...

Se il detentore decide di disfarsene, è sempre rifiuto, a prescindere dall'eventuale interesse di terzi
14/01/2015

Per rifiuto deve intendersi qualsiasi sostanza od oggetto di cui il produttore o il detentore si disfi, o abbia deciso o abbia l'obbligo di disfarsi, senza che assuma rilievo la circostanza che ciò avvenga attraverso lo smaltimento del prodotto o tramite il suo recupero. Si tratta di un’esegesi che vale sia in base all'interpretazione della definizione di rifiuto data dal legislatore nazionale, sia per giurisprudenza della Corte di Giustizia della Comunità Europea, le cui decisioni sono immediatamente e direttamente applicabili in ambito nazionale, secondo la quale la nozione di rifiuto non deve essere intesa nel senso di escludere le sostanze e gli oggetti suscettibili di riutilizzazione economica, atteso che la protezione della salute umana e dell'ambiente verrebbe ad essere compromessa se l'applicazione delle direttive comunitarie ...

Incenerimento for dummies - Andrea Quaranta
13/01/2015

La combustione dei rifiuti è una modalità di gestione border line, nel senso che dal punto di vista tecnico- giuridico può essere considerata come operazione di recupero o di smaltimento a seconda delle modalità prese in considerazione e degli impianti che vengono utilizzati per “valorizzare” il contenuto calorifico dei rifiuti stessi.

A tale proposto, la Corte di Giustizia ha avuto modo di affermare, in estrema sintesi, che la combustione di rifiuti costituisce un’operazione di recupero quando il suo obiettivo principale è che gli stessi possano svolgere una funzione utile, come mezzo per produrre energia, sostituendosi all’uso di una fonte primaria che avrebbe dovuto essere altrimenti usata per svolgere tale funzione, mentre non possono essere...

Albo Nazionale Gestori Ambientali: variazioni dell'iscrizione - Comitato Nazionale dell'ANGA
09/01/2015

Con la Deliberazione 25 novembre 2014 il Comitato Nazionale dell’ANGA, Albo Nazionale dei Gestori Ambientali, ha stabilito che nei casi di variazioni dell’iscrizione all’Albo che prevedono il trasferimento dell’iscrizione stessa ad altro soggetto giuridico l’impresa cui viene trasferita l’iscrizione, entro trenta giorni dalla data di efficacia della variazione, deve darne comunicazione tramite PEC alla Sezione regionale competente presentando la dichiarazione di cui all’allegato “A”, corredata, ove necessario, dall’appendice alla polizza fideiussoria già prestata riportante gli estremi della variazione intervenuta.

La Sezione regionale rilascia la ricevuta di cui all’allegato “B”, che deve accompagnare il provvedimento d’iscrizione in corso di validità affinché l’impresa possa giovarsi di quanto...

Grafica: Andrea Quaranta Consulenza comunicativa: Naide Della Pelle © 2008-2015 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005 Privacy Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly