A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale
Natura Giuridica è un'impresa di servizi specializzata in
diritto dell'ambiente e dell'energia
Ricerche, pareri, assistenza amministrativa
e multiprofessionale per consulenze integrate

NG extra: miniguide e approfondimenti

DIRITTO DELL'AMBIENTE

DIRITTO DELL'ENERGIA



Feedburner

Se si preferisce avere una segnalazione delle novità, di volta in volta inserite nel sito, tramite l’invio di una e-mail, è sufficiente iscriversi a FeedBurner


Inserisci il tuo indirizzo email:

Delivered by FeedBurner

Cerca nel sito


Vai

INSIC - Il quotidiano online per i professionisti della sicurezza

Visita il BLOG di
Natura Giuridica
AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

/Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti: recupero - smaltimento - discariche - incenerimento

In questa sezione, trovi articoli, aggiornamenti normativi e giurisprudenziali sulla gestione dei rifiuti. Per leggere gli articoli completi, devi registrarti. Attenzione: per alcuni articoli basta l'iscrizione free, per altri occorre la registrazione "Premium", a pagamento. Con l'iscrizione Premium, hai l'accesso anche ai documenti free. Nel caso dei pareri, a pagamento, la password ti dà accesso unicamente a quel determinato parere. Se sei interessato ad una consulenza ambientale o parere legale in materia di rifiuti, vai alla pagina dei contatti.
Ordinanze contingibili e urgenti: occorre il contraddittorio, a meno che...
14/04/2015

Considerato il carattere anche “ambientale” , l’art. 192, comma 3, del codice dell'ambiente prescrive che i controlli svolti dall’Amministrazione riguardo all’abbandono di rifiuti debbano essere effettuati in contraddittorio con i soggetti interessati, in modo da garantire l’osservanza delle regole poste a presidio della partecipazione dell’interessato all’istruttoria amministrativa. Il ricorso allo strumento dell’ordinanza contingibile ed urgente giustifica l’omissione della comunicazione di avvio del procedimento unicamente in presenza di un’”urgenza qualificata”, in relazione alle circostanze del caso concreto, che deve essere debitamente esplicitata in specifica motivazione sulla necessità e l’urgenza di prevenire il grave pericolo alla cittadinanza, anche perché sussiste un rapporto di conflittualità e di logica sovra ordinazione tra l’esigenza di tutela immediata della pubblica incolumiincolumità e l’esigenza del ...

Rifiuti o sottoprodotti. Quando l'utilizzo è "certo", ma non si sa quando
31/03/2015

Materiali speciali non pericolosi costituiti da frammenti di mattoni in calcestruzzo vibrocompresso e fango derivante sia dall'impianto di filtro pressa e sia dal taglio possono essere considerati come sottoprodotti? A proposito di sottoprodotti, è corretto sostenere che il potenziale riutilizzo dei materiali, per essere certo, non necessariamente deve essere anche immediato in quanto, come ritenuto dalla stessa giurisprudenza di legittimità, non è prescritta una necessaria contestualità tra produzione e riutilizzo del sottoprodotto? Non si tratta di una mera disquisizione teorica di diritto dell’ambiente: sono cose che si devono sapere prima, per agire correttamente, ed evitare inutili perdite di tempo e di denaro, ma soprattutto sanzioni di tipo penale. No che non lo. Vediamo perché...

Bene usato e riutilizzabile: è sempre rifiuto?
30/03/2015

I pallets rotti, acquistati da una ditta per ripararli e rimetterli sul mercato , possono (o devono?) essere considerati dei rifiuti? Su un aspetto “apparentemente marginale” come questo, come ci si deve comportare? Possiamo considerarli alla stregua di una merce, oppure in ogni caso dobbiamo considerarli in senso stretto dei rifiuti? Di recente si è occupata del tema la Cassazione, che ha posto l'accento su due punti fondamentali e connessi: a) come punto di riferimento occorre considerare esclusivamente la volontà del detentore; b) la qualifica di rifiuto può essere esclusa solo se, in relazione proprio al detentore-produttore, esiste la prova provata oggettiva del riutilizzo di un materiale, che potrebbe non essere allora considerato rifiuto. Diversamente, tutto è rifiuto.

Rifiuto derivante da un'operazione di trattamento: è possibile dargli un nuovo CER?
24/03/2015

Al rifiuto derivante da un’operazione di trattamento può essere legittimamente attribuito un codice CER nuovo rispetto a quello che il rifiuto aveva in origine?

Sì, ma soltanto se se i due rifiuti sono diversi e cioè se l’operazione di recupero o di smaltimento ha prodotto un nuovo rifiuto.

Ma né nella disciplina comunitaria né in quella nazionale è espressamente stabilito quali siano le operazioni di trattamento che producono un nuovo rifiuto, mentre è definito nuovo produttore di rifiuti: si deve allora concludere che un’operazione di trattamento produce un rifiuto nuovo solo se la natura o la composizione che il rifiuto ha prima del trattamento sono diverse da quelle del rifiuto trattato?

Grafica: Andrea Quaranta Consulenza comunicativa: Naide Della Pelle © 2008-2015 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005 Privacy Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly