A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/Eolico

Impianti eolici off-shore e criterio della vicinitas - TAR Molise, n. 374/10
07/02/2011
Quali sono gli interessi coinvolti nella realizzazione di un impianto eolico off-shore? Interessi pubblici di dimensione ultraregionale: però, occorre osservare che il legislatore ha inteso riconoscere distinta ed autonoma evidenza ai vari interessi pubblici implicati nel relativo procedimento e, tra questi, a quello ambientale. Per questo motivo ha delineato un procedimento complesso, un vero e proprio “procedimento di procedimenti” scandito cioè in subprocedimenti autonomi, di volta in volta finalizzati all’esame degli aspetti ambientali, di quelli propri del demanio marittimo ed infine di quelli direttamente connessi alla produzione dell’energia elettrica. Nella specie, il Collegio ha sottolineato che il legislatore ha inteso...
Parchi eolici: regime di disponibilità delle aree interessate - TAR Palermo, n. 1775/10
13/01/2011
Dal combinato disposto dell’art. 12 del D.Lgs. n. 387/2003 e dell’art. 1 del D.P.R. 327/2001 discende che la qualificazione legale degli impianti di produzione di energia eolica implica un regime della disponibilità delle relative aree incompatibile con quello posto dal PEARS: più in particolare, il legislatore statale, imprimendo a tali impianti la qualificazione di “opere di pubblica utilità indifferibili ed urgenti”, ha inteso consentire la loro realizzazione anche oltre e al di là della limitazione costituita dalla attuale disponibilità dell’area in capo al richiedente l’autorizzazione, scindendo chiaramente i due profili.
Nella specie, il Collegio ha sottolineato che la norma regionale ha invece posto l’uno ...
Il ruolo del Comune nell’autorizzazione unica di un impianto eolico - Consiglio di Stato, n. 1139/2010
19/07/2010

La realizzazione e gestione di impianti eolici rientra tra le attività di impresa liberalizzate, e non esiste alcuna privativa in favore di enti pubblici o soggetti concessionari: la realizzazione di un impianto eolico, infatti, è sottoposta ad una autorizzazione unica regionale, previa conferenza di servizi. L’autorizzazione unica costituisce anche titolo per la costruzione dell’impianto, e dunque è sostitutiva anche del permesso di costruire: di conseguenza, il Comune può far valere il proprio interesse ad una corretta localizzazione urbanistica del parco eolico, e alla sua conformità edilizia, nell’ambito della conferenza di servizi che precede il rilascio...

Denuncia inizio attività per impianti eolici: i limiti delle regioni nel regime autorizzatorio? - TAR Bari, ord. 155/09
30/04/2010

Le norme che disciplinano le procedure autorizzative in materia di energia sono riconducibili alla “produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell’energia”, mentre va esclusa l’assimilabilità della materia dell’energia al “governo del territorio”; la delimitazione del regime autorizzatorio per nuove attività costituisce inoltre disciplina di principio, cui le Regioni non possono liberamente derogare. Con riferimento alle soglie fissate per la denuncia di inizio attività, per gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili (nella specie, eolico), l’eventuale innalzamento del limite di capacità produttiva degli impianti, ai fini dell’applicabilità della DIA, può essere disposto solo con...

Quali poteri ha il Comune in relazione alla realizzazione di un impianto eolico? - TAR Palermo, n. 272/10
16/04/2010

Come sapete, nel nostro Paese, anche se sono passati più di sei anni dalla sua entrata in vigore, mancano le linee guida nazionali di cui all'art. 12, comma 10, del D.Lgs n. 387/03, che hanno il compito di assicurare un corretto inserimento degli impianti (soprattutto quelli eolici) nel paesaggio. L’inevitabile conseguenza è questa: ogni regione, ogni ente locale, decide un po’ come gli pare?e tocca ai giudici cercare di porre qualche rimedio... Nel caso in esame, ad esempio, il TAR di Palermo ha sottolineato che il Comune è incompetente in ordine alla selezione informale espletata per l’affidamento in concessione...

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly