A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/FER - norme generali

Il costo degli oneri istruttori nell'ambito di una DIA - Predeterminatezza del costo degli oneri istruttori
02/01/2012

Il caso: una DIA presentata prima della delibera della giunta regionale che ha rideterminato il costo degli oneri istruttori.

La ratio della norma che prevede la predeterminazione del costo degli oneri istruttori è quella di assicurare che il soggetto proponente conosca l’importo degli stessi nel momento in cui presenta la domanda; è quindi alla data di presentazione della domanda che deve essere individuato il momento in cui l’onere deve essere quantificabile. In caso contrario, gli oneri istruttori non potrebbero essere quantificati dai soggetti che attivano la procedura, impedendo così agli stessi di formare un piano economico consapevole.

Ambiguità della formulazione dell'art. 12 del D lgs n. 387/03 - TAR Perugia, n.145/11
23/12/2011

La formulazione dell’articolo 12 del D.Lgs n. 387/03 è poco perspicua, e lascia aperta la questione della competenza, oltre che del procedimento, applicabili nelle ipotesi in cui, non essendo previsto il rilascio di alcuna autorizzazione (“altra”, rispetto a quelle richieste dalla generale disciplina urbanistico-edilizia - salva l’applicazione della d.i.a. al di sotto delle soglie di capacità di generazione richiamate dalla tabella A - o dalle specifiche discipline di settore, a tutela dell’ambiente, del patrimonio culturale, etc.), non occorre seguire la disciplina della autorizzazione unica.

Termini autorizzatori certi anche in attesa delle linee guida nazionali - Corte Costituzionale, n. 192/ 11
17/10/2011

Solo in base alla formulazione delle linee guida nazionali per gli impianti da F.E.R. ogni Regione può adeguare i criteri statali alle specifiche caratteristiche territoriali regionali; non è nel frattempo consentito alle Regioni porre limiti di edificabilità degli impianti da FER su determinate zone del territorio regionale, e nemmeno sospendere le procedure autorizzative per la realizzazione degli impianti in determinate zone fino all’approvazione delle linee guida nazionali. Infatti, prevedendo la sospensione dei procedimenti in corso al momento della sua entrata in vigore, la legge regionale ha l’effetto di procrastinare per un periodo di tempo indeterminato il rilascio della relativa D.I.A.

Certezza degli oneri istruttori per i soggetti che presentano una D.I.A. - TAR Lecce, n. 657/11
11/10/2011

La L.  n. 62/05 stabilisce che gli oneri per prestazioni e controlli da eseguire da parte di uffici pubblici nell'attuazione delle normative comunitarie sono posti a carico dei soggetti interessati secondo tariffe “predeterminate e pubbliche”. Una D.I.A. viene presentata prima che la giunta regionale si riunisca per ri-determinare il costo degli oneri istruttori: gli effetti del nuovo tariffario non possono essere applicati per il principio generale di irretroattività dell'imposizione patrimoniale. La ratio della predeterminazione del costo degli oneri istruttori è quella di assicurare che il soggetto proponente conosca l’importo degli stessi nel momento in cui presenta la domanda, al fine di formare un piano economico consapevole.

Fonti rinnovabili: bilanciamento interessi in sede di conferenza di servizi - Tar Torino, n. 219/11
13/09/2011

Valutazione di progetti per lo sfruttamento di fonti energetiche rinnovabili  in sede di conferenza di servizi: la valutazione non deve considerare solo ed in via unilaterale la promozione dello sfruttamento delle fonti di energia rinnovabile, avulsa da ogni altro aspetto: nella conferenza di servizi, infatti, le amministrazioni procedenti si devono necessariamente far carico, in un’ottica di bilancio ambientale positivo, che figura prioritariamente tra gli obiettivi della stessa normativa comunitaria invocata in ricorso, della complessiva compatibilità dell’opera con plurime esigenze quali ad esempio quelle di tutela della qualità dell’aria.

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly