A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/FER - norme generali

Divieto regionale di rilasciare autorizzazioni alla realizzazione di IAFR nelle more dell’emanazione del PIEAR
27/07/2012

La normativa internazionale e quella comunitaria manifestano un favor per le fonti energetiche rinnovabili al fine di eliminare la dipendenza dai carburanti fossili. Sono, pertanto, illegittime, per violazione dell’art. 117, primo comma, Cost., le disposizioni regionali che prevedono limiti massimi autorizzabili di potenza di energia da fonti rinnovabili.

Saturazione virtuale delle reti e principi di proporzionalità e non aggravamento
29/06/2012

Fermo restando il potere dell’AEGG di adottare misure per superare il problema della saturazione virtuale della rete e l’insindacabilità nel merito di tali misure, le stesse devono rispettare il principio di proporzionalità e di non aggravamento, non essere dissuasive di nuovi investimenti, e non addossare agli investitori i rischi ad essi non imputabili. A tal fine, vìola il principio di proporzionalità e di non aggravamento la previsione di un corrispettivo e/o garanzia ex ante, che viene restituito/non escusso, ex post, in caso di mancato rilascio dell’autorizzazione per fatto non imputabile all’operatore, atteso che il corrispettivo/garanzia devono allo stato essere versati preventivamente, in un momento in cui è ancora incerto, per fatto non imputabile, l’an e il quando dell’autorizzazione regionale.

Linee Guida Nazionali - Individuazioni da parte delle Regioni delle c.d. aree non idonee
02/03/2012

Le c.d. “aree non idonee” di cui alle linee guida nazionali non possono essere qualificate come zone soggette a un divieto preliminare assoluto. Le Linee Guida, infatti, stabiliscono che l’individuazione di non idoneità delle aree, operata dalle Regioni, comporta che per le stesse si determina un'elevata probabilità di esito negativo delle valutazioni, in sede di autorizzazione. Tale principio è ribadito nell’allegato 3 delle stesse Linee guida, in cui si legge che l'individuazione delle aree e dei siti non idonei non deve configurarsi come divieto preliminare, ma come atto di accelerazione e semplificazione dell'iter di autorizzazione alla costruzione e all'esercizio. Di conseguenza, non sono ammissibili aprioristiche interdizioni estese ad intere porzioni di territorio, dovendosi comunque operare un bilanciamento in concreto...

Riparto di competenze - Provincia di Trento - Competenza legislativa primaria di Province autonome su paesaggio
24/01/2012

Con le linee guida nazionali in materia di FER, il legislatore ha inteso trovare modalità di equilibrio tra la competenza legislativa esclusiva dello Stato in materia di ambiente, la competenza legislativa primaria delle Province autonome in materia di paesaggio e la competenza legislativa concorrente, in materia di energia. La competenza legislativa delle suddette Province deve tuttavia coesistere con la competenza statale sulla tutela dell’ambiente e con quella concorrente sull'energia. Resta inteso, peraltro, che le competenze primarie delle Province in materia devono essere esercitate sia nell’ambito degli obiettivi nazionali di consumo futuro di elettricità prodotta da FER...

D.lgs 387/03 art. 12 - E' atto soprassessorio un provvedimento di sospensione procedimento a tempo indeterminato
20/01/2012

L'art. 12, comma 4, del D.lgs n. 387/03 dice che il termine per la conclusione del procedimento non può comunque essere superiore a centottanta giorni: non vi possono essere dubbi interpretativi circa la perentorietà di detto termine. Un provvedimento di sospensione a tempo indeterminato non può che essere ritenuto atto soprassessorio, il quale, lungi dal definire il procedimento secondo l'obbligo imposto dall'art. 2 l. n. 241/1990 e dall’art. 12 c.4 d.lgs 387/2003, ha solamente indebitamente lo scopo di procrastinare la conclusione dell'istruttoria in danno dell’interessato.

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly