A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale
Natura Giuridica è un'impresa di servizi specializzata in
diritto dell'ambiente e dell'energia
Ricerche, pareri, assistenza amministrativa
e multiprofessionale per consulenze integrate

NG extra: miniguide e approfondimenti

DIRITTO DELL'AMBIENTE

Sito generated by WOWSlider.com
Slider Wordpress by WOWSlider.com v5.0

DIRITTO DELL'ENERGIA

Cerca nel sito


Vai
Visita il BLOG di
Natura Giuridica
Andrea Quaranta

La consulenza giuridica nelle fonti rinnovabili

Dario Flaccovio Editore

/FER - norme generali

Energia da fonti rinnovabili: eolico fotovoltaico biomasse

La sezione propone articoli su incentivi, bandi e finanziamenti regionali, statali e comunitari per la promozione e lo sviluppo delle fonti di energia alternative. Registrati per leggere gli articoli completi. Per alcuni articoli, basta la registrazione free, per altri occorre la registrazione premium, a pagamento, che dà accesso anche ai documenti free.
Andrea Quaranta propone consulenze ambientali giuridiche e tecniche sulle procedure amministrative per ottenere le autorizzazioni all'installazione di impianti e alla produzione di energia.
Se desideri una consulenza o parere legale in materia di energia da fonti rinnovabili, o assistenza nelle procedure amministrative, contattaci.

Efficienza energetica, ESCO e ruolo delle province
17/06/2013

La normativa in materia è volta ad impedire che possano operare sul mercato società a capitale pubblico svolgenti promiscuamente la propria attività sia a favore dei soci sia a favore dell'utenza privata, le quali vengono a trovarsi in una posizione concorrenziale privilegiata nella competizione con gli altri imprenditori privati in forza dell'affidamento diretto.

Tale divieto è, altresì, volto ad impedire che le Amministrazioni pubbliche possano costituire enti con scopo meramente lucrativo, ove l'attività da essi svolta non sia anche funzionalizzata al perseguimento dell'interesse pubblico. Fra le funzioni attribuite alle province vi è anche quella di valorizzazione dell'ambiente e delle risorse idriche ed energetiche: rientrano, quindi, sicuramente nell'alveo di tali attribuzioni le attività...

Dequotazione delle posizioni legittimanti?
03/12/2012

La dichiarazione di inizio attività – oggi generalmente sostituita dalla segnalazione certificata di inizio attività (scia) riflette un atto del privato volto a comunicare l'intenzione di intraprendere un'attività direttamente ammessa dalla legge. Ai fini della legittimazione attiva al rilascio di titoli abilitativi nella materia edilizia, la giurisprudenza ritiene necessaria la titolarità del diritto di proprietà, ovvero di altro diritto reale od anche obbligatorio a condizione, in tale ultima ipotesi, del riconoscimento della disponibilità giuridica e materiale del bene nonché della relativa potestà edificatoria. La posizione di promissario conduttore, in assenza di specifico consenso del proprietario, non è titolo di legittimazione idoneo al rilascio di titoli abilitativi.

Aspetti urbanistici relativi alla realizzazione di un impianto di gestione anaerobica
19/11/2012

L’autorizzazione unica regionale prevista dal D.Lgs n. 387/03, solo limitatamente derogabile a favore di procedure semplificate, concreta una procedura uniforme mirata a realizzare le esigenze di tempestività e contenimento dei termini per la conclusione dei procedimenti amministrativi inerenti alla costruzione ed esercizio degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, che resterebbe vanificata ove ad essa si abbinasse o sostituisse una disciplina regionale, anche se concepita nell’ambito di una diversa materia

Conservazione del paesaggio e fruizione del territorio
02/11/2012

La tutela dell’ambiente, intesa come individuazione dei beni oggetto di tutela,, è un valore primario la cui cura spetta in via esclusiva allo Stato, ai sensi dell’art. 117,secondo comma lett. s) della Costituzione, mentre rientra nella competenza concorrente di Stato e Regioni la valorizzazione dei beni culturali e ambientali, cioè la individuazione delle modalità di utilizzo. Sul territorio gravano più interessi pubblici: quelli concernenti la conservazione ambientale e paesaggistica, la cui cura spetta in via esclusiva allo Stato, e quelli concernenti il governo del territorio e la valorizzazione dei beni culturali ed ambientali (fruizione del territorio), che sono affidati alla competenza concorrente dello Stato e delle Regioni.

Grafica: Andrea Quaranta Consulenza comunicativa: Naide Della Pelle © 2008-2014 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005 Privacy Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly