A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/Efficienza energetica e altre FER

Progetti di efficienza energetica - Raggiungimento dell'obiettivo di incrementare l'efficienza negli usi finali dell'energia
10/01/2012

I progetti di efficienza energetica hanno l’obiettivo di incrementare l’efficienza negli usi finali dell’energia: tale obiettivo è reso obbligatorio per le imprese titolari della distribuzione di energia elettrica e gas nella misura stabilita dai decreti ministeriali attuativi. I progetti inoltre possono essere realizzati o direttamente dai soggetti obbligati (distributori), al fine di raggiungere gli obiettivi imposti dalla normativa regolamentare, o da società terze, operanti nel settore dei servizi energetici e già accreditate presso l'AEEG. Di detti progetti viene valutata e certificata dalla Autorità la riduzione dei consumi di energia effettivamente conseguita...

Gestione ed utilizzazione delle risorse geotermiche - Corte Costituzionale, n. 112/ 11
07/09/2011

Le risorse geotermiche, considerate nel loro valore energetico e nel loro valore ambientale, sono ritenute «di pubblico interesse e di pubblica utilità» solo entro una determinata soglia di potenza energetica e sono, conseguentemente, divise in due categorie: l’una, relativa a quelle ad alta entalpia, di «interesse nazionale», l’altra, relativa a quelle a media e bassa entalpia, di «interesse regionale o provinciale». Si è, dunque, di fronte ad un principio fondamentale di riforma economico-sociale, che la Provincia autonoma di Bolzano è tenuta anch’essa a rispettare

Linee guida rinnovabili in Veneto: impianti idroelettrici con potenza superiore a 100 kW - Regione Veneto
07/03/2011

A fine 2010 il Veneto ha dettato le linee guida rinnovabili in relazione ad uno specifico settore: quello degli impianti idroelettrici con potenza uguale o superiore a 100 kW. Rispetto alle linee guida regionali in materia di fonti di energia rinnovabile sin qui pubblicate (Valle D’Aosta, Piemonte e Provincia di Bolzano), le linee guida del Veneto si applicano, dunque, ad una sola tipologia di FER. In adeguamento al D.M. del 10 settembre 2010, la DGR del Veneto in questione ha dettato precise regole in relazione alla concessione di derivazione d’acqua pubblica, all’autorizzazione unica alla costruzione e all’esercizio dell’impianto e alla conclusione dei procedimenti, stabilendo che….

AIA per un impianto di cogenerazione in una zona soggetta a vincolo paesaggistico - TAR Veneto, n. 1539/09
06/07/2009

La normativa comunitaria mira a sottoporre all'obbligatoria procedura di valutazione di impatto ambientale solo alcuni progetti che possono avere un riflesso rilevante sull’ambiente, mentre altri (tra i quali vi sono gli impianti industriali per la produzione di energia elettrica con potenza termica inferiore a 300 MW) sono soggetti a valutazione solo qualora possano avere un impatto ambientale importante per la loro natura, le loro dimensioni o la loro ubicazione. (Nel caso di specie, il Collegio ha evidenziato che la banchina e la conduttura, oggetto della controversia, ricadono in area sensibile e, dovendo assolvere al compito di convogliare il ...

Direttiva 2009/28/CE, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili
11/06/2009

Le fonti di energia rinnovabili, insieme al controllo del consumo di energia, al risparmio energetico e all’aumento dell’efficienza energetica, rappresentano strumenti essenziali per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e rispettare, quindi, i parametri fissati dal Protocollo di Kyoto, nonché per promuovere la sicurezza degli approvvigionamenti energetici, favorire lo sviluppo tecnologico e l’innovazione e, infine, per creare posti di lavoro e sviluppo regionale. Urgenza, pianificazione lungimirante e sostenibile e integrazione delle politiche comunitarie sono le parole d’ordine dell’Unione europea, che ha fatto della lotta al cambiamento climatico una delle priorità del suo programma...

Prima pagina << 12
Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly