A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/Biomasse

Biomasse di origine vegetali - Impianti di microgenerazione - Pirolisi
16/01/2012

L'art. 12 del D.Lgs n. 387/03, secondo cui la costruzione e l'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili sono soggetti ad una autorizzazione unica, rilasciata dalla regione o dalle province delegate dalla regione, riguarda tutte le tecnologie (ormai sempre più numerose) attraverso le quali si produce energia da fonti non fossili, ivi compresi gli impianti di produzione energetica da biomasse che utilizzano il metodo di combustione e produzione di energia da biomasse detto "pirolisi", previsto dal D. Lgs. 152/2006, utilizzata regolarmente per i termovalorizzatori di rifiuti.

Inquinamento atmosferico da biomasse e impatto ambientale - TAR di Roma, 32824/10
08/07/2011

Meglio il metano o le biomasse? Cosa provoca un maggior inquinamento atmosferico, cosa produce maggiori emissioni di CO2? Il metano o le biomasse? Se lo è chiesto il TAR di Roma nell’analizzare una legge veneta (36/07), la quale, sottolinea, non impone per forza l’alimentazione a gas metano per le centrali elettriche, all’uopo bastandone una che assicuri un pari o minor impatto ambientale. Per questo, occorre verificare, in concreto e rispetto al gas metano, l’impatto ambientale complessivo della scelta d’alimentazione per l’impianto di produzione di energia elettrica (biomasse). Qual è il ruolo del parere della regione nel caso di interventi soggetti a valutazione d’impatto ambientale? E come deve essere ...

Rifiuti, biomasse, sottoprodotti, energia rinnovabile e legittimazione ad agire in: tombola - TAR Torino, n. 2292/09
08/05/2010

Dopo l’interessante sentenza n. 1563/09, commentata anche nell’editoriale dello scorso aprile, il TAR di Torino torna a dire la sua sull’intricata materia che vede coinvolte la gestione dei rifiuti, la nozione di sottoprodotto e la disciplina prevista per le fonti di energia rinnovabile (biomasse, nel caso di specie). Dopo aver ricordato che l’impiego del sottoprodottodeve avvenire direttamente nel corso del processo di produzione o di utilizzazione individuato e definito, il TAR piemontese ha affermato che non costituiscono rifiuto e possono quindi essere tipicamente e propriamente utilizzati nell’alimentazione di un impianto di produzione di energia da biomasse vegetali...

Le biomasse (rifiuti o sottoprodotti?) nel contesto della disciplina sulle fonti rinnovabili - TAR Torino, n. 1563/09
08/07/2009

Il TAR piemontese affronta un tema di importanza strategica, che coinvolge le problematiche inerenti la gestione dei rifiuti e la normativa sulle fonti rinnovabili di energia: l'utilizzo della biomassa in un impianto per la produzione di energia elettrica. La configurabilità come “rifiuto” di una sostanza non esclude l’applicabilità alla medesima, in una fase successiva, della normativa afferente le fonti di energia rinnovabili per quella parte di “rifiuti biodegradabili” che sono infatti espressamente contemplati dalla direttiva 77/2001 e quindi dal d.lgs. 387/2003.

Prima pagina << 123
Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly