A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/Ambiente & mercato - Responsabilità d'impresa

Autorizzazione unica ambientale: quali vantaggi per le PMI? - Naide Della Pelle
11/07/2014

Sul Portale InSIc, del gruppo EPC, casa editrice della rivista "Ambiente e Sicurezza sul lavoro", con la quale Natura Giuridica collabora da quasi due anni, è stato pubblicato di recente un articolo di Andrea Quaranta in materia di AUAAutorizzazione Unica Ambientale.

Natura Giuridica vi riporta in queste pagine qualche breve estratto, rimandando alle pagine di InSIc per la lettura dell'intero articolo, che presto sarà affiancato dal commento ai numerosi provvedimenti regionali che di recente sono stati adottati, per integrare la disciplina nazionale.
Autorizzazione Unica Ambientale: quali vantaggi per la PMI?
All’indomani dell’entrata in vigore dell’AUA, alcune regioni hanno dettato alcune linee ...
Esperto in diritto ambientale d'impresa - Naide Della Pelle
03/07/2014

A partire da venerdì 17 ottobre 2014 e per 3 week end Natura Giuridica terrà a Bologna il master di specializzazione ESPERTO IN DIRITTO AMBIENTALE D'IMPRESA organizzato in collaborazione con il Gruppo Euroconference Spa, leader nel settore della formazione dedicata ai professionisti. Il Master si rivolge ad Avvocati e Consulenti con l’obiettivo di formare figure professionali altamente specializzate nel diritto ambientale d’impresa. Durante i diversi incontri, pertanto, si andranno ad analizzare le questioni più rilevanti ed attuali in materia di diritto ambientale, con particolare riguardo anche all'analisi di case histories desunti sia da casi di estrema attualità trattati dai media nazionali che dalla mia attività ...

SISTRI, delitti ambientali e programma nazionale di prevenzione rifiuti - EPC editore
28/05/2014

La Rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro da spazio ad alcune tematiche ambientali molto importanti: nel n. 5/14 in questo numero sono tre gli approfondimenti in materia di diritto dell'ambiente.

Si parla di SISTRI (le nuove regole e semplificazioni contenute nel DM 24 aprile 2014); di delitti ambientali (nuovi reati ambientali nel codice penale) e del Programma nazionale di prevenzione rifiuti (DM 7 ottobre 2013).

Prevenzione rifiuti: in Italia è tutto un programma, di Andrea Quaranta (Environmetal crisi and risk management) In base alla direttiva 2008/98/UE gli Stati membri avrebbero dovuto adottare, entro il 31 dicembre 2013, i rispettivi programmi di ...

Terremoti, appalti pubblici e valutazione della vulnerabilità sismica
04/12/2013

È illegittimo l'affidamento diretto di un appalto pubblico, senza previa gara, mediante il quale due enti pubblici istituiscono tra loro un contratto che non abbia il fine di garantire l'adempimento di una funzione di servizio pubblico comune agli enti medesimi, non sia retto unicamente da considerazioni ed esigenze connesse al perseguimento di obiettivi d'interesse pubblico, oppure sia tale da porre un prestatore privato in una situazione privilegiata rispetto ai suoi concorrenti.

Qualora un'amministrazione si ponga rispetto all'accordo come operatore economico, prestatore di servizi e verso un corrispettivo anche non implicante il riconoscimento di un utile economico ma solo il rimborso dei costi, non è possibile parlare di una cooperazione tra enti pubblici per il perseguimento di funzioni di servizio pubblico comune, ma di uno ...

Le responsabilità del manutentore di caldaie
06/09/2013

Il manutentore che è consapevole del malfunzionamento di una caldaia, a causa della presenza di un componente non originale, non deve limitarsi a consigliare un uso limitato dell'apparecchio, ma deve impedirne l'uso, al fine di evitare il determinarsi di una situazione di pericolo per gli inquilini.

Infatti, il solo fatto di aver lasciato libero il cliente di utilizzare una caldaia potenzialmente dannosa, nella specie perché dotata di un pressostato d'incerte origini, costituisce una grave imprudenza, fonte di responsabilità per l'intossicazione cagionata da questa alle persone residenti nello stabile dove è posta; aggravato dall'abuso di fiducia insita nel contratto d'opera di manutenzione.

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly