A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/Ambiente & mercato - Responsabilità d'impresa

L'AUA regionale: il caso del Piemonte
12/09/2014

L’AUA risponde all’esigenza di semplificare gli adempimenti amministrativo-ambientali per le PMI. Ma semplificazione non significa necessariamente semplicità: affidarsi ad un consulente ambientale, capace di gestire in tempi ancora più rapidi e con costi contenuti l’iter, rimane imprescindibile. Anche perché in molte regioni sono state dettate norme integrative di quelle nazionali, e gli uffici preposti hanno bisogno di parlare con un referente specializzato, per affrontare nel migliore dei modi possibile, e in un clima di serena collaborazione, la problematiche ambientali. Senza dimenticarci che la necessità delle imprese di gestire il rischio ambientale prescinde dall’esistenza dell'autorizzazione: le imprese hanno bisogno di un’organizzazione, di un sistema di ERM.

Responsabilità degli Enti gli orientamenti giurisprudenziali in materia - EPC - INSIC
08/08/2014

Su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro 7/2014 si parla, fra gli altri argomenti, di responsabilità degli enti. Con il contributo si intende effettuare una rapida panoramica delle principali sentenze che, nel corso degli mesi, sono state pronunciate in relazione ad alcune particolari tematiche afferenti il D.Lgs n. 231/01, ulteriori rispetto ai “soli” aspetti ambientali. Spazio anche per uno sguardo alle semplificazioni previste per le PMI.

La rassegna comincia con due interrogativi riguardanti i reati-presupposto.

Primo: i reati-presupposto collegati all’indebito profitto dell’ente oggetto di sequestro finalizzato alla confisca sono solo quelli previsti dal Dlgs 231/2001?

Secondo: é legittimo disporre a carico della società il sequestro per equivalente ai fini ...

La Valutazione di Impatto sulla Salute (HIA): applicazione in ambito nazionale e internazionale - Valentina Cavanna
23/07/2014

Sul numero 2/2014 della rivista "Ambiente & Sviluppo", edita da IPSOA, è stato pubblicato, a firma dell'Avv. Valentina Cavanna, che collabora anche con Natura Giuridica, un articolo relativo alla valutazione di impatto sulla salute, strumento che consente di prevedere, nei diversi livelli del processo decisionale, gli impatti sulla salute delle decisioni, nonché di informare il decisore politico.

Il contributo ne analizza la metodologia, secondo i diversi approcci elaborati nel corso del tempo, approfondendo l'argomento anche in chiave comparata. Viene illustrata l'esperienza italiana in materia e sono fornite indicazioni altresì con riferimento alla Valutazione del Danno Sanitario (di cui viene proposto uno schema operativo). Infine, si formulano ...

Appalti verdi: aggregazione obbligatoria per i Comuni, anche per appalti di ridotte dimensioni
18/07/2014

Se non esistono specifiche deroghe, per gli acquisti dei Comuni non capoluogo di Provincia, anche sotto i 40.000 euro, l’aggregazione è obbligatoria.

Lo ha affermato la Corte Conti Piemonte nel parere 2 luglio 2014, n. 144. Per effetto delle novità legislative (articolo 33, comma 3-bis, del Codice appalti pubblici, modificato dalla legge n. 89/14) i Comuni non capoluogo di Provincia possono acquistare beni, servizi e forniture solo aggregandosi tramite Unione di Comuni o accordi consortili, o ricorrere alle Province o al mercato elettronico gestito dalla Consip o ad altro soggetto aggregatore. Anche per appalti di modeste dimensioni (inferiore ai 40mila euro).

#Ambienteprotetto: ecco i principali interventi disposti
16/07/2014

Obiettivi del provvedimento, dal titolo #AmbienteProtetto, sono:

- superare alcune emergenze;

- semplificare le procedure;

- scongiurare diverse infrazioni comunitarie.

Ecco nel dettaglio i principali interventi disposti: più risorse per l'efficienza energetica delle scuole; procedure più veloci e semplici contro il dissesto idrogeologico; la "requisizione in uso" per gli impianti di gestione dei rifiuti; una procedura semplificata per le bonifiche e la messa in sicurezza; riduzione delle procedure di infrazione comunitaria in materia ambientale.

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly